Scheda descrittiva del progetto

Progetto “TERRAMARE_Gestione integrata e solidale delle aree protette costiere delle Pelagie”
finanziato da FONDAZIONE CON IL SUD Bando Ambiente 2015

Capofila:
Cooperativa sociale “Il Gabbiano” – Agrigento
Area protetta:
Area Marina Protetta “Isole Pelagie” – ente gestore Comune di Lampedusa e Linosa
Ente Gestore:
Riserva Naturale “Isola di Lampedusa” –  ente gestore Legambiente Sicilia
Partner:
CTS – Centro Turistico Studentesco
Partner:
CRI – Croce Rossa Italiana di Lampedusa
Partner:
Università di Palermo, Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare

Il progetto “Terramare” si propone come un modello di tutela e gestione integrata delle aree protette costiere, basato sulla strettissima interconnessione tra gli ambiti costieri (ricadenti nella riserva naturale) e gli ambiti marini (ricadenti nell’AMP).
In tal senso il modello proposto potrebbe essere replicato in tutte le aree protette costiere italiane, che ancora oggi soffrono della scarsa comunicazione ed interrelazione tra enti gestori tra loro prossimi.
Il progetto prevede di affrontare alcune importanti criticità delle due aree protette costiere e del territorio delle Isole Pelagie, strutturando le aree naturali protette con interventi specifici finalizzati alla riduzione/eliminazione dei fattori di rischio, proponendo alla comunità locale un ruolo attivo nella protezione e nella gestione degli ambienti naturali ed individuando nuove modalità di fruizione e vivibilità delle aree protette basate sul turismo naturalistico e sul rafforzamento dell’identità locale.

I due principali temi di carattere generale su cui vuole incidere il presente progetto sono:
le migrazioni, il rispetto dei diritti umani e l’accoglienza, nell’Arcipelago delle Pelagie che costituisce un simbolo di accoglienza e la porta di ingresso all’Europa per migliaia di migranti; tra l’altro la straordinarietà del patrimonio naturalistico delle Isole Pelagie (terrestre e marino) deriva dalla loro ubicazione geografica al centro del Mediterraneo e dal loro conseguente ruolo di confluenza di faune, flore ed esseri umani provenienti da 3 continenti (Europa, Africa, Asia).
la conservazione della natura e la gestione integrata ed interconnessa delle aree protette costiere, mettendo in rete la riserva naturale “Isola di Lampedusa” che tutela le aree terrestri dell’isola, e l’area marina protetta “Isole Pelagie” che tutela gli ambiti marini delle due isole.

In relazione al secondo tema (oggetto specifico del bando Ambiente), sono state individuate in fase di analisi le principali criticità ambientali su cui intervenire, di seguito sinteticamente riportate:
1) Inquinamento marino
2) Eccessiva pressione balneare turistica nell’Isola di Lampedusa
3) Assenza di presìdi ambientali nell’Isola di Linosa
4) Scarsa consapevolezza della comunità locale nei confronti dei temi ambientali
5) Scarsa integrazione tra le attività gestionali dell’AMP“Isole Pelagie” e della riserva naturale “Isola di Lampedusa”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...