Riserva Naturale Isola di Lampedusa Ente gestore Legambiente Sicilia

legambiente-sicilia-logo-300x235La Riserva Naturale “Isola di Lampedusa” è stata istituita dall’Assessorato Regionale al Territorio e Ambiente, ai sensi delle leggi regionali n. 98/81 e n. 14/1988 sulle aree naturali protette. Il processo di tutela fu sollecitato dalle associazioni ambientaliste, dall’Amministrazione Comunale di Lampedusa, dalle Università e da una grande petizione popolare, che hanno fatto emergere l’esigenza di conservare un patrimonio ambientale di grande valore, di cui la spiaggia dei Conigli ed il fenomeno dell’ovodeposizione delle tartarughe marine rappresentano l’espressione più nota.

Finalità della Riserva Naturale “Isola di Lampedusa” è la conservazione degli ambienti naturali in cui ricadono le espressioni più interessanti della flora e della vegetazione: le stazioni di Caralluma europaea, le uniche esistenti in Italia, e quelle di Centaurea acaulis, nota solo per Lampedusa e la Sicilia; l’unica stazione italiana di Macroprotodon mauritanicus e Malpolon insignitus; la colonia nidificante di Phalacrocorax aristotelis ed un’importante componente di endemismi dell’entomofauna. L’area costituisce inoltre l’unica stazione italiana di Psammodromus algirus a., la zona di ovodeposizione di Caretta caretta, ed il sito in cui vivono numerose specie ed habitat di interesse conservazionistico, oggi riportati negli allegati delle Direttive Comunitarie 92/43 e 79/409.

dscn6597_
Accesso alla spiaggia dell’Isola dei Conogli

Il territorio protetto ha una superficie complessiva di 367, 6 Ha. La zona A comprende una parte significativa della fascia costiera meridionale dell’isola compresa tra il Vallone di Cala Greca (est) e il Vallone dell’Acqua (ovest). E’ caratterizzata dalla presenza dei grandi valloni che solcano il territorio fino al mare (vallone della Forbice, Dragutta, Tabaccara, Profondo e dell’Acqua) e dai sovrastanti pianori; dalla suggestiva spiaggia dell’isola dei Conigli e dall’omonimo isolotto; dalle aree rimboschite dall’Amministrazione Forestale Siciliana; e da una piccola area, esterna alla fascia costiera, in cui ricade la stazione di Centaurea acaulis.

La riserva naturale è stata affidata in gestione a Legambiente Sicilia, un’associazione ambientalista che opera nel territorio della Regione Sicilia come articolazione regionale di Legambiente Onlus, una delle più diffuse associazioni ambientaliste italiane con più di 1.000 gruppi locali e circa 110.000 soci.

Legambiente è riconosciuta dal 1987 dal Ministero dell’Ambiente ed inoltre fa parte del B.E.E. (Bureau Européen de l’Environment) e dell’I.U.C.N. (International Union for Conservation of Nature). Pubblica annualmente un rapporto sullo stato dell’ambiente in Italia, organizza numerose campagne di monitoraggio ambientale e di informazione (Goletta Verde, Mal’Aria, Treno Verde, Salvalarte, ecc.), promuove iniziative di volontariato, organizza attività ed iniziative di educazione e di sensibilizzazione ambientale (Festa dell’Albero, Puliamo il Mondo, Cento Strade per giocare, ecc.), contrasta con l’Osservatorio Ambiente e Legalità ed i Centri di Azione Giuridica le aggressioni all’ambiente e le violazioni alle norme ambientali, gestisce in Italia 20 oasi naturalistiche e numerosi centri di educazione ambientale. In Sicilia Legambiente è presente con oltre 40 circoli locali.

Dal 1996, tramite una specifica convenzione di affidamento, gestisce 6 riserve naturali istituite dalla Regione Siciliana tra cui la Riserva Naturale Orientata “Isola di Lampedusa”, occupandosi in primo luogo della tutela degli ambienti naturali, della riqualificazione e valorizzazione del territorio, della promozione della ricerca scientifica, della fruizione naturalistica e dell’educazione ambientale, della promozione dello sviluppo locale.

Legambiente Sicilia nel progetto “TERRAMARE” ha il duplice ruolo di associazione ambientalista e di ente gestore della Riserva Naturale “Isola di Lampedusa”. Si occupa direttamente della realizzazione di alcune specifiche azioni di tutela e valorizzazione degli ambienti naturali protetti e delle specie a rischio che ricadono all’interno della riserva naturale “Isola di Lampedusa” (il riorientamento della fruizione nella Spiaggia dei Conigli, il monitoraggio notturno della tartaruga marina, la realizzazione del centro visite sulle migrazioni dell’avifauna), curando non solo gli aspetti tecnici ma anche le connesse e contemporanee azioni di coinvolgimento e sensibilizzazione della comunità locale e dei turisti, attraverso la realizzazione di specifici incontri informativi, di attività ed eventi. Inoltre supporta il capofila nelle azioni di comunicazione (curando il ruolo di addetto stampa) e nelle azioni di gestione e coordinamento del progetto.

All’interno del progetto Legambiente Sicilia apporta da un lato l’esperienza tecnico-progettuale di quasi 20 anni di gestione della riserva naturale “Isola di Lampedusa”, dall’altro la sensibilità, l’entusiasmo ed il dinamismo caratteristici di una grande associazione ambientalista presente a livello nazionale e regionale, che opera nell’ambito della divulgazione e della sensibilizzazione ambientale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...